home chi siamo assistenza eiconoscimenti attività la storia prevenzione eventi donazioni ccontatti testimonianze come aiutarci
     
Testata B
Per usufruire del Servizio di accompagnamento Calt riservato ai pazienti oncologici telefona al numero 081.7472207 o segui le istruzioni presenti su questo sito
 

 

 

L'AUTOPALPAZIONE IN 5 STEP

 

nastro rosa

 

La senologia ha compiuto passi da giganti e molti tumori si riescono ad estirpare del tutto se scoperti in tempo e in ogni caso riuscire ad intervenire con altissime percentuali di successo anche quando gli stadi sono più avanzati. Ma ovviamente le conseguenze sono molto più invasive e pericolosa.
Quindi, è noto a tutti, l’unica arma a disposizione delle donne è la prevenzione che comincia con un gesto semplice ma molto importante che ogni donna può fare da sola: l’autopalpazione.
È solo il primo passo ma può servire a individuare quelle piccole variazioni che potrebbero mettere in allarme e rivolgersi ad un medico che potrà approfondire a valutare la situazione.

 

STEP 1

L’autopalpazione è una tecnica che è meglio iniziare a farla da giovani perché la sensibilità si affina col tempo. Va effettuata periodicamente qualche giorno dopo la fine del ciclo mestruale quando la mammella è meno tesa ed è più facile riscontrare qualche anomalia.

 

autop 1

 

STEP 2

L’ispezione deve iniziare guardandosi attentamente allo specchio per verificare se ci sono stati cambiamenti nella forma, nella posizione o nelle dimensioni, della mammella e dei capezzoli. Ma anche eventuali arrossamenti della pelle.

 

atop 2

 

STEP 3

Il controllo si fa con i polpastrelli delle dita centrali della mano con piccoli massaggi circolari va cercato eventuale nodulo o addensamento, ipersensibilizzazione o desquamazione della pelle o del capezzolo.

autop 3

 

STEP 4

Il controllo si fa con i polpastrelli delle dita centrali della mano con piccoli massaggi circolari va cercato eventuale nodulo o addensamento, ipersensibilizzazione o desquamazione della pelle o del capezzolo.
È importante esaminare l’intera mammella prestando attenzione soprattutto al cavo ascellare e al quadrante superiore esterno dove si trova una maggiore quantità di tessuto ghiandolare e dove compare la metà circa dei tumori.

autop 4

 

STEP 5

L’ultimo esame è quello del capezzolo che va spremuto per capire se si sente dolore, anche solo se la sensibilità è aumentata o per valutare eventuali secrezioni, se sono trasparenti o contengono sangue.

autop 5



Bastano dieci minuti per conservare la serenità.
Se durante l’autopalpazione si riscontra qualcosa di insolito bisogna rivolgersi prontamente ad un medico.
Con mani più esperte lo specialista effettuerà un esame clinico più approfondito e richiederà gli esami diagnostici strumentali necessari per visualizzare l’alterazione. Nella grande maggioranza dei casi la presenza si rivelerà un’alterazione benigna che non necessità di nessun intervento

 

stile

 
     
 

 

Informazione

SEDE CENTRALE

A.O.R.N. "A. CARDARELLI" NAPOLI

Tel. 081.7472207 - Telefax 0817472228

centrocaltcardarelli@gmail.com